Decreto Liquidità – Mutui Prima Casa

Maggio 4, 2020
The-Shop-and-Warehouse-of-Duncan-Phyfe-168–172-Fulton-Street-New-York-City-John-Ruben-Smith-Metropolitan-Museum-

D.: Sono un lavoratore autonomo e ho acquistato la mia abitazione con un mutuo “prima casa”: cosa prevede il Decreto per me?

Con il  DL n. 23/2020 si estende per 9 mesi successivi alla sua entrata in vigore (quindi fino al 9/1/2021)  l’accesso al beneficio del c.d. Fondo Gasparrini anche ai mutui in ammortamento da meno di un anno; per “lavoratori autonomi” si intendono anche i titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa attivi al 23/2/2020, iscritti alla gestione separata dell’INPS e non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie oltre ai liberi professionisti, già previsti come beneficiari del Fondo dal precedente DL n. 18/2020.

D.: Sono un commercialista e nel 2010 ho stipulato un mutuo ventennale di Euro 420.000 per acquistare la mia prima casa a Roma; posso beneficiare del Fondo e, in pratica, come funziona questo fondo di solidarietà? 

Il Fondo non si applica ai titolari di mutui d’importo erogato superiore a Euro 250.000; in fase di conversione del DL n. 18/2020 (ancora in corso) si è proposto di innalzare la soglia a Euro 400.000 ma, comunque, la soglia di sbarramento fa riferimento all’importo iniziale del mutuo e non al residuo da rimborsare alla data di richiesta di accesso al Fondo; il mutuo di Euro 420.000 quindi ne sarebbe fuori. Per chi rientra nella soglia sono comunque previste condizioni per l’accesso al beneficio, da dichiarare con autocertificazione.

Il Fondo, per chi ne riesce a beneficiare, consente di sospendere il pagamento della rata capitale del mutuo prima casa in essere, con l’intervento dello Stato per coprire il 50% degli interessi non pagati dal titolare nel periodo di sospensione, che sono spalmati per la durata residua del rimborso.

Scarica in formato pdf